De Luca Junior un posto in parlamento in cambio dei voti di Papa al Pd

piero-de-luca-boschi-6752

Il primogenito del governatore De Luca(Pd) andrà a processo a Salerno per il fallimento fraudolento della Ifil: “Sono sereno, dimostrerò la mia innocenza”. Intanto guarda a Roma, dove potrebbe arrivare grazie al posto blindato in lista garantito dall’ex premier in cambio dei voti del padre Vincenzo al prossimo congresso Pd

 

Secondo i retroscena politici il nome di Piero De Luca è al centro del patto tra Matteo Renzi e Vincenzo De Luca: quest’ultimo appoggia l’ex premier al congresso Pd, l’ex premier garantisce un posto sicuro in Parlamento per il primogenito del governatore della Campania. Nessuno ha smentito, nessuno ha confermato. Ciò che nessuno potrà smentire, però, è che Piero De Luca dovrà affrontare un processo da imputato per bancarotta fraudolenta. Si è conclusa con il rinvio a giudizio di tutti gli indagati, infatti, l’udienza preliminare per il fallimento della Ifil, società satellite del pastificio Amato, che secondo gli inquirenti faceva affari sia con il Comune di Salerno che con il pastificio. Il gup Sergio De Luca (che non è parente dei De Luca), ha disposto il processo per il 29 maggio prossimo. L’accusa per tutti è di aver concorso al fallimento fraudolento della società, distraendo o dissipando il denaro di cui avevano disponibilità. A De Luca junior, nella fattispecie, viene contestato di aver beneficiato tra il 2009 ed il 2011 del pagamento di viaggi in Lussemburgo, sede lavorativa del rampollo dell’ex sindaco di Salerno: secondo l’accusa, quei voli sono stati pagati con denaro della Ifil dall’imprenditore Mario Del Mese. Quest’ultimo – socio al 50 per cento della Ifil e nipote dell’ex parlamentare Udeur Paolo Del Mese – ha patteggiato la pena assieme al cognato Vincenzo Lamberti: 7 mesi di reclusione per il primo, un anno e sei mesi per il secondo. Andrà a giudizio invece la moglie di Del Mese, Valentina Lamberti. Il gup ha inoltre rinviato a giudizio anche Giuseppe Amato, Luigi Avino, Emilio Ferraro e Marianna Gatto. Il processo si terrà dinanzi alla prima sezione penale del tribunale di Salerno.Il coinvolgimento di Piero De Luca nell’inchiesta sul crac Ifil emerse dall’interrogatorio di Giuseppe Amato jr per un altro crac, quello del Pastificio Amato. Il rappresentante della famiglia Amato affermò di aver saputo da Mario Del Mese del pagamento dei biglietti aerei per il Lussemburgo. Pagamenti che sarebbero stati effettuati con i soldi della Ifil. Sempre secondo gli inquirenti, gli altri imputati avrebbero impropriamente utilizzato il denaro della società per acquistare arredi e per aver effettuato pagamenti a favore di altre aziende senza che ci fosse alcun rapporto commerciale. Il fallimento della Ifil è andato avanti per più di due anni e, prima che venisse dichiarato, per gli indagati l’accusa della procura salernitana era stata di appropriazione indebita. Una notizia, quella del suo rinvio a giudizio, che non sembra aver scalfito più di tanto le certezze di Piero De Luca: “In sede di dibattimento avremo finalmente la possibilità di dimostrare in modo sereno, obiettivo e trasparente l’assoluta infondatezza di una contestazione strumentale e inverosimile. Sono profondamente sereno e ho enorme fiducia nel lavoro dei magistrati” ha detto il figlio del governatore. “Auspico che il giudizio si celebri il più rapidamente possibile per fare piena chiarezza sulla mia posizione – ha continuato – Tutto questo non ci distrarrà dal lavoro che con grande impegno e sacrificio stiamo portando avanti sui territori“.

Quale lavoro? Piero De Luca negli ultimi mesi è stato molto impegnato in politica. Da metà 2016, tanto per cominciare, ha ricoperto il ruolo di coordinatore scientifico regionale dei comitati per il Sì al referendum costituzionale del 4 dicembre. Già all’epoca erano in molti quelli che vedevano dietro questo impegno così diretto del rampollo di famiglia un patto tra suo padre e Matteo Renzi, con l’obiettivo di creare una corsia preferenziale per Piero in Parlamento. Tutti sanno come è andata a finire quella consultazione: il No ha stravinto e la Riforma è rimasta nel cassetto. E l’accordo tra il governatore e l’ex premier? Congelato fino alla prima occasione utile, che puntualmente si è presentata quando si è trattato di organizzare la squadra di Renzi sui territori in vista delle primarie Pd del 30 aprile e del Congresso dem. E Renzi, in questo contesto, sa benissimo che i voti che arriveranno dal feudo di De Luca potrebbero rivelarsi se non determinanti, certamente molto importanti. Da qui il rinnovamento del patto, che tra l’altro non è stato smentito da nessuno dei diretti interessati.Avvocato, 37 anni, ricercatore in Diritto dell’Ue, referendario presso la Corte di giustizia dell’Unione europea, Piero De Luca si è da sempre occupato di tematiche europee, quali aiuti di Stato e concorrenza, tutela dei consumatori, gestione del fenomeno migratorio, libera prestazione dei servizi. Il figlio dell’ex sindaco di Salerno si è quasi subito trasferito prima a Bruxelles e poi a Lussemburgo. Poco social, si racconta più che altro sul suo sito, dove innanzitutto cita b: “Dobbiamo diventare il cambiamento che vogliamo vedere”. Come avvocato, si legge on line, si è occupato delle problematiche legate alla realizzazione delle cosiddette ‘Autostrade del mare’ ed agli incentivi europei per lo sviluppo delle reti transeuropee dei trasporti. Ha approfondito la tematica relativa alle reti d’impresa, con specifico riferimento alle opportunità di sviluppo dell’economia locale ad esse legate nonché alle specificità della disciplina nazionale ed europea in materia. E ha assistito, tra l’altro, numerosi clienti dinanzi all’Autorità Garante della concorrenza e del mercato, nell’ambito di procedure relative ad accordi restrittivi della concorrenza. Piero, poi, non è l’unico figlio di De Luca impegnato in politica: Roberto De Luca, commercialista di 32 anni, è stato responsabile del dipartimento Economia della segreteria provinciale del Pd fino alla primavera del 2016, quando è diventato assessore comunale a Salerno con delega al Bilancio e allo Sviluppo. In città si diceva che il padre Vincenzo lo volesse addirittura candidare a sindaco, poi optò per un ruolo meno prestigioso anche per non scontentare il fratello maggiore Pietro. Che ora guarda a Roma, ma prima si dovrà difendere in tribunale a Salerno.

The following two tabs change content below.
Mginvestment e' una societa' specializzata in analisi tecnica e macroeconomica.Forniamo segnali operativi su valute, materie prime, indici e azioni.