Pillole di forex del 22/09/2014

supposta di forex

Pillole di forex del 22/09/2014

Dopo le scorse, intensissime, settimane permane una certa delusione per il programma di stimolo della BCE che arriva tardivo e poco deciso. La pressione ora è tutta sul governatore Draghi che farà parecchia fatica a far digerire ai tedeschi il grande spauracchio del quantitative easing: strumento considerato veramente l’ultima spiaggia dell’istituto di Francoforte, ma che a quanto pare, i mercati si aspettano e magari segretamente auspicano.

Market Movers della Settimana

Lunedì 22 alle 16:00 i dati americani sulle vendite di case esistenti attese in progression di 5.20 milioni di unità rispetto al precedente a 5.15 milioni. Alle 16:05 discorso del membro del FOMC Dudley.

Martedì 23 alle 3:45 il dato PMI manifatturiero cinese elaborato da HSBC atteso in leggero calo a 50.0 rispetto al precedente a 50.2. Alle 9:30 il dato PMI manifatturiero Tedesco preliminare atteso a 51.2 rispetto al 51.4 precedente. Alle 10:00 lo stesso dato aggregato per la zona euro atteso a 50.5 dal 50.7 della rilevazione precedente. Alle 14:30 il dato canadese sulle vendite al dettaglio attese in frenata a -0.1% dal precedente a 1.5%. A seguire negli Stati Uniti parleranno i membri del FOMC Powell (15:20) e Kocherlakota (20:00).

Mercoledì 24 il dato neozelandese sulla bilancia commerciale (00:45) attesa a 1.22 miliardi rispetto ai 1.29 miliardi della lettura precedente. Alle 10:00 il dato IFO Tedesco sulla fiducia delle imprese è atteso a 105.7 da 106.3. Alle 16:00 le vendite di nuove case attese in recupero a 430 mila unità dalle 412 mila della lettura precedente.

Giovedì 25 alle 14:30 gli ordinativi di beni durevoli negli Stati Uniti attesi in frenata a -17.9% rispetto al 22.6% su base mensile per la lettura aggregate, mentre la componente core dovrebbe mostrare un aumento a 0.6% dal -0.7% precedente.

Venerdì 26 in Giappone alle 1:50 il dato sull’inflazione nazionale attesa in lieve flessione a 3.2% dal 3.3%, mentre il dato relative alla capital Tokyo dovrebbe mostrare un rallentamento a 2.6% dal 2.7% precedente. Alle 14:30 il PIL trimestrale statunitense è atteso in aumento del 4.6% dal 4.2% della rilevazione precedente. Alle 15:55 l’indice elaborato dall’università del Michigan sulla fiducia dei consumatori dovrebbe mostrare una lieve variazione positive attestandosi a 84.7 dal 84.6 della lettura precedente.

EURUSD

20140922 EURUSD

Apertura di settimana poco mossa per la moneta unica che scambia in queste ore intorno a 1.2840 contro biglietto verde. Dopo i ribassi successivi al FOMC della scorsa settimana e dopo la delusione per la prima tranche del programma TLTRO della BCE, permane una certa debolezza di euro che sembra tuttavia aver trovato un supporto tecnico in area 1.2850. L’attesa per una settimana intensa dal punto di vista macroeconomico in cui saranno protagonisti i dati su mercato immobiliare statunitense e fiducia di consumatori e imprese in Europa renderà laterale il movimento di queste prime ore di sessione europea mantenendo il trend all’interno dell’intervallo tra 1.2820 e 1.29.

GBPUSD

20140922 GBPUSD

Scampato il pericolo potenzialmente disastroso dell’indipendenza scozzese la sterlina inglese, che a quanto pare rimarrà la valuta di riferimento dell’intero Regno Unito, è ritornata in trend rialzista dai minimi toccata due settimane fa in area 1.6050. La forte volatilità in conclusione di settimana non ha modificato il trend tecnico che rimane rialzista nel medio periodo con scambi che si attestano in queste ore a 1.6330 contro dollaro statunitense ovvero in prossimità dei livelli precedenti allo scoppio dell’affaire scozzese. Anche per la sterlina il percorso di questa settimana è particolarmente insidioso a causa dei dati importanti in uscita in america che renderanno interlocutorio il trend in queste ore.

USDJPY

20140922 USDJPY

Non fa eccezione all’inizio di settimana un po’ sotto tono in termini di volatilità lo yen giapponese che continua a oscillare intorno a 109.0 un livello di forte resistenza. Il percorso di indebolimento dello yen giapponese, anche a causa la settimana scorsa dell’esito del FOMC e sua interpretazione, sembra non conoscere fine. Tecnicamente il perdurare di un trend così lineare al rialzo per USDJPY denota un’uscita dall’interlocutorietà che ha caratterizzato l’intera prima parte dell’anno, ma espone il cambio ad un aumento di volatilità soprattutto in queste aree di ipercomprato.

The following two tabs change content below.
AvaTrade oggi rappresenta una realtà sui mercati internazionali che va ben oltre il trading sulle valute (FX). Materie prime, indici di borsa, titoli azionari e bond sono solo alcune delle classi di asset su cui è possibile operare sulle piattaforme di trading AVA. In un mercato in continua evoluzione AVA è sempre presente con servizi all’avanguardia, mettendo a disposizione dei suoi clienti le più avanzate tecnologie in fatto di trading algoritmico, mirror trading, segnali operativi, strumenti di analisi e molto altro. Questo rende AvaTrade la soluzione ideale sia per i trader esperti ma anche per chi vuole accostarsi ai mercati finanziari per la prima volta in totale sicurezza. Emanuele Rigo Laureato in International Economics and Management all’università Bocconi di Milano ha iniziato a lavorare come operation manager presso un broker forex italiano prima di dare una svolta più internazionale alla sua carriera lavorando nel business development a Londra presso importanti realtà nel brokeraggio sulle valute maturando negli anni una profonda conoscenza del mercato FOREX. In AVA Trade dove ricopre la posizione di business development e market analyst.

Ultimi post di Emanuele Rigo (vedi tutti)