Teatro Verdi di Trieste presenta “Progetti Contemporanei”

teatro di trieste

PROGETTI CONTEMPORANEI

Domenica 4 dicembre 2016 alle ore 18.00 Sala “Victor de Sabata” – Ridotto del Teatro Verdi “Progetti contemporanei”: il Verdi guarda al futuro e presenta al suo pubblico gli autori cui ha commissionato per i prossimi quattro anni la realizzazione di altrettante nuove opere originali. Un progetto pluriennale per dare spazio al talento e alla creatività per un’Opera nuova. Attraverso “Progetti Contemporanei” il Verdi intende affrontare uno dei punti più sensibili della gestione del repertorio d’Opera: quello di dare nuovo soffio vitale al genere, considerandolo dunque vivo e attuale, coltivandone la creatività e sviluppandone il potenziale oltre il repertorio più usuale. Il Verdi, quindi, sceglie di dare una concreta possibilità ai compositori di oggi di confrontarsi con l’Opera, reinterpretandola secondo un’ispirazione contemporanea. I soggetti e i compositori sono stati già individuati. La Fondazione ha scelto spunti nella piena valorizzazione della storia e della bellezza del nostro territorio, puntando, nel contempo, a temi e soggetti di valore universale. Cristian Carrara, affermato compositore nato nella nostra regione (a Pordenone), svilupperà una partitura da un racconto di James Joyce. Alla sensibilità di Marco Taralli verrà invece affidata la composizione – su un soggetto originale – per le celebrazioni del centenario della fine della Grande Guerra (nel 2018). Marco Podda Teacurerà una composizione che si ispirerà a un racconto originale (l’autore è in via di definizione) dedicato al rapporto unico tra Trieste – città in cui Podda è nato – e il mare. Infine, sarà un altro giovane talento del nostro territorio, il compositore Federico Gon, a chiudere questo ciclo di produzioni originali. Con il concerto di domenica 4 dicembre (inizio alle 18), il Verdi presenta al suo pubblico i propri alfieri del contemporaneo: un appuntamento da non perdere, che proporrà la prima esecuzione assoluta di quattro composizioni originali firmate dai quattro compositori; un’occasione per conoscere il loro immaginario artistico e ispirazione musicale. In programma quattro esecuzioni accomunate da uno spunto letterario. Si apre e si chiude sulle orme di Shakespeare, con le composizioni di Gon e Taralli che rispettivamente si rifanno a La Tempesta e al Sogno di una notte di mezz’estate nei versi originali di Fabio Ceresa. Un omaggio alle presenze tra le più alte della letteratura del nostro territorio: Carrara s’ispira a James Joyce – che a Trieste visse a lungo – e al suo racconto breve Eveline (tratto da Gente di Dublino), mentre Podda ha scelto la II Elegia Duinese di R.M. Rilke per la sua Elegia sinfonica. Sul palco Orchestra del Verdi e il Coro del Teatro preparato dalla Maestra Francesca Tosi, sul podio, una presenza nuova per Trieste: Beatrice Venezi, giovanissima direttrice originaria di Lucca, ma con una carriera già di rilievo internazionale, guiderà l’Orchestra del Verdi in questo appassionante viaggio di prime esecuzioni. Classe 1990, Venezi ha studiato composizione e pianoforte per laurearsi poi in direzione d’orchestra al Conservatorio di Milano e perfezionarsi infine presso l’Accademia Chigiana di Siena. Vanta esperienze all’Orchestra di Lucca, al Teatro Bolshoi di Minsk, alla Foundation Bulgaria Classic, ai pomeriggi musicali del Teatro Dal Verme di Milano, ai festival di Sermoneta e di Bellagio e più recentemente ha lavorato con la Nuova Orchestra Scarlatti di Napoli. PROGRAMMA: Federico Gon The Tempest – Ouverture da concerto da “La tempesta” di W. Shakespeare Cristian Carrara Eveline – Omaggio a James Joyce e a Trieste Marco Podda Elegia sinfonica (R. M. Rilke – II Elegia Duinese) – per coro femminile e orchestra Marco Taralli Viola aurata per coro e orchestra – versi di Fabio Ceresa PREZZI posto unico: € 10,00 under 18: € 7

The following two tabs change content below.
Siamo un team siamo un gruppo di persone che ama profondamente la musica classica in particolare l' opera lirica, viviamo per essa e soffriamo nel vedere come essa viene quotidianamente martoriata ed uccisa.Vogliamo cambiare le cose, vogliamo dire la nostra opinione, vogliamo dire la verita' per una buona volta, vogliamo preservare un patrimonio artistico destinato alla estinzione.La lirica puo' sopravvivere solo se voi appassionati e non imparerete a conoscerla ed ad amarla.Oggi purtroppo chi gestisce il mondo della lirica non ha piu' le competenze necessarie per farlo, oggi la lirica e' gestita da incompetenti e persone senza scrupolo, capaci di tutto.